Email marketing: la guida alle strategie vincenti nel [2020]

email marketing guida

Credi davvero che l’email marketing non sia più efficace?

No. E oggi non solo ti dimostreremo il contrario, ma ti trasformeremo in un email marketer professionista a 360°. Non scherziamo.

Ad oggi l’email marketing sta è la migliore strategia possibile per la la maggior parte delle aziende che vendono online.

La prova?

Sulla base dei dati del 2020 di business2community, l’email marketing è ancora classificata come il canale di marketing più efficace, battendo i social media, la SEO e il marketing di affiliazione.

Perché? Con tutto il clamore sui nuovi canali, perché la tecnologia vecchia di decenni è ancora una delle strategie di marketing più efficaci?

I dati del 2018 mostrano che la maggior parte delle persone sono in possesso di un indirizzo di posta elettronica, nello specifico circa l’80% degli adulti in età lavorativa.

Una percentuale così alta batte di molto anche l’utilizzo di social o motori di ricerca, che non sono così utilizzati da alcuni utenti.

Anzi, negli ultimi anni molti adulti si stanno allontanando dai social, con un forte ritorno a strumenti essenziali, in primis la cara vecchia mail

Ecco perché costruire una campagna di email marketing di successo è più importante che mai per gli imprenditori. Ma c’è un problema: la maggior parte delle persone non sa come farlo nel modo giusto.

Oggi imparerai esattamente come avviare una campagna di email marketing partendo da zero.

Iniziamo subito!

L’importanza dell’email marketing

L’email marketing è la strategia di marketing digitale che consiste nell’inviare e-mail a potenziali clienti. E-mail di marketing efficaci trasformano i potenziali clienti in clienti veri e propri.

Nonostante l’ascesa di social media e delle e-mail indesiderate di spam (che non è affatto una buona strategia di marketing, tra l’altro), l’e-mail rimane il modo più efficace per alimentare i lead e trasformarli in clienti.

Ci sono molti motivi per cui trasformare l’email marketing in una delle tue priorità principali. Per esempio:

– L’email è il canale di comunicazione n. 1 nel monto digitale. Sapevi che almeno il 99% dei consumatori controlla quotidianamente la propria e-mail? Non si può dire di nessun altro canale di comunicazione.

La mailing list è soltanto tua. Su qualsiasi piattaforma di social media, il tuo account (insieme a tutti i tuoi fan e post) potrebbe essere sospesi o eliminati in qualsiasi momento, per qualsiasi motivo, senza preavviso. Tuttavia nessuno potrà toglierti la mailing list.

L’e-mail converte meglio. Le persone che acquistano prodotti commercializzati tramite e-mail spendono il 138% in più rispetto a coloro che non ricevono offerte e-mail. In effetti, l’email marketing ha un ROI (utile sul capitale investito) del 4400%. E se ti stai chiedendo se i social media si convertono ancora meglio, ripensaci: il valore medio dell’ordine di un’e-mail è almeno tre volte superiore a quello dei social media.L’e-mail è semplicemente il modo migliore per effettuare vendite online.

Come creare una mailing list

Quello che la maggior parte delle persone fa quando vuole creare un elenco di email è mettere un modulo di iscrizione sul proprio sito Web e sperare che le persone si iscrivano. Sfortunatamente, questa strategia di solito non funziona molto bene.

Per ampliare la tua lista e-mail, devi attirare persone con un’offerta convincente.

Solitamente si procede regalando gratuitamente qualcosa in cambio di un indirizzo e-mail. Non deve costarti nulla crearlo o spedirlo, solitamente sono materiali digitali come PDF, file audio MP3 o video che puoi creare da solo a costi minimi o nulli.

Può essere qualsiasi cosa, purché offra valore gratuito ai tuoi visitatori.

Alcuni esempi popolari di offerte per iscriversi ad una mailing list potrebbero essere:

  • Ebooks
  • Un elenco di suggerimenti o risorse
  • Casi studio
  • Un webinar
  • Prove o campioni gratuiti
  • Un preventivo o una consulenza gratuiti
  • Quiz o un’autovalutazione
  • Un coupon

Cosa rende davvero attraente un regalo in cambio dell’iscrizione nella mailing list?

Sai già che in cambio di una mail dovrai offrire valore gratuitamente. Ma un’offerta per essere davvero efficace deve rispettare alcuni punti importanti.

  • Facile da usare: Non offrire un tomo da 1000 pagine. Piuttosto offri un coupon o una guida rapida da poche pagine!
  • Applicabile: l’offerta che proporrai dovrà essere applicabile e utile. Non prendere in giro i tuoi clienti.
  • Di valore: le persone continuano ad acquistare prodotti e servizi se funzionano bene. Dai un assaggio della qualità dei tuoi prodotti o servizi.
  • Rilevante: deve essere qualcosa che stuzzichi davvero l’interesse dei tuoi clienti. Pensa a perchè sono tuoi potenziali clienti e chiediti come potresti aiutarli.
  • Immediatamente disponibile: le persone amano la gratificazione istantanea, quindi qualsiasi sia la tua offerta, la vorranno subito.

La scelta di un servizio di email marketing

L’utilizzo di un servizio di email marketing offre il massimo ritorno sull’investimento (ROI) tra i canali di marketing: secondo campaignmonitor un ROI del 4,400%. Sono 44€ ogni euro speso!

Scegliere tra i diversi software di email marketing significa scegliere fra prezzo di ricerca, affidabilità, supporto tecnico, design dei modelli, facilità d’uso, integrazioni e diverse funzionalità aggiuntive.

Il miglior software di email marketing dovrebbe permetterti di progettare facilmente email, segmentare il tuo pubblico, personalizzare i tuoi messaggi e visualizzare i rapporti di analisi.

Come forse saprai già esistono numerosi software automatici di email marketing. Qui ci limiteremo a citarne 3, ossia i 3 più famosi e utilizzati oggi al Mondo. Per ognuno vedremo una breve descrizione di pro e contro.

Email Marketing Software:

  1. GetResponse
  2. ConvertKit
  3. Constant Contact

1. GetResponse

GetResponse è una piattaforma di marketing online all-in-one ideale per far crescere qualsiasi tipo di business.

Si tratta di un software per campagne di email marketing automatizzate, landing page ad alta conversione e software per webinar.

Ad oggi è uno degli strumenti più usati al mondo (quello che usiamo anche noi in diversi progetti) e a nostro avviso è anche quello più semplice da impostare grazie allo schema a blocchi semplificato.

email marketing getresponse-
L’impostazione “a blocchi” di getresponse è davvero semplicissima

Uno dei punti di forza è la scelta fra i possibili template e landing page che GetResponse mette a disposizione.

Esistono centinaia di template pronti per l’utilizzo e in grado di essere estremamente professionali e gradevoli al lettore.

Nel complesso, GetResponse è uno dei migliori strumenti di email marketing per creare canalizzazioni di vendita vendita automatiche, landing page, e autorisponditori.

Noi lo usiamo da anni e confermiamo che si tratta di un ottimo strumento per professionisti, ecommerce e aziende.

GetResponse offre 30 giorni di prova gratuita e successivamente parte da una base di 13€/mese.

Prova GetResponse


2. ConvertKit

ConvertKit è creato da creativi, per creativi. È inteso per capire le esigenze dei clienti e per creare un seguito online.

Vantano moduli interessanti, aumentano i tassi di conversione con e-mail automatizzate e organizzano i tuoi iscritti per massimizzare il coinvolgimento.

Per i blogger che desiderano inviare e-mail personalizzate basate su testo, è senz’altro uno degli strumenti professionali migliori al giorno d’oggi.

email-marketing-convertkit

Troveremo sequenze e-mail piuttosto avanzate basate sia sulle azioni dell’utente che sulle azioni all’interno del percorso e-mail. Notiamo anche che:

  • Puoi utilizzare la segmentazione avanzata in base a diverse azioni per personalizzare le canalizzazioni di posta elettronica.
  • Le tue email di testo sembrano professionali e non presentano marchi di posta elettronica.
  • Si concentra nel creare ottime mail di testo, più che sui template della mail stessa.

Sebbene non abbiano un piano gratuito, con prezzi a partire da 29€ al mese e una prova gratuita di 14 giorni, è un’ottima scelta per blogger o aziende che puntano a mail di testo targettizzate e ad alta conversione.

Prova Convertkit


3. Constant Contact

Constant Contact lavora nel settore dei software per email marketing dal 1995. Nel 2015, sono diventati parte del gruppo Endurance International, uno dei gruppi di web hosting più famosi al mondo, che comprende aziende come Bluehost e Hostgator.

Constant Contact ad oggi è uno dei più grandi service provider per email marketing al mondo. Permette di gestire gli iscritti e di creare e-mail professionali con modelli e strumenti di modifica in stile “drag and drop”.

constant-contact email marketing

La piattaforma comprende oltre 100 template ottimizzati per dispositivi mobili per coinvolgere e convertire clienti, creare reportistica e analisi in tempo reale, oltre che per aggiungere nelle email funzionalità bonus come coupon, sondaggi ed eventi.

Una delle loro caratteristiche più singolari è la gestione degli eventi e la possibilità di gestire inviti, registrazioni e biglietti, tutto all’interno di un template preimpostato della mail.

Il prezzo dei contratti dipende dal numero dei contatti presenti nella mailing list. I loro piani a pagamento partono da 20 euro / al mese.

Prova Constant Contact


Alti tassi di lettura: come fare?

Uno dei problemi che affligge qualsiasi campagna di email marketing è la possibilità che le mail non vengano lette.

In questa sezione vediamo i principali fattori che provocano bassi tassi di apertura delle mail. Alcuni ti sembreranno banali, ma ti assicuriamo sono tutti attuali e comuni.

1. Evitiamo i filtri antispam

Si tratta di un problema che può sembrare banale, ma che va affrontato. Dato che hai già ottenuto l’autorizzazione per inviare email e hai scelto uno dei migliori fornitori di email marketing, questo problema non dovrebbe porsi.

Esistono comunque delle pratiche importanti per evitare di ricadere nella cartella spam:

  • Invia la tua campagna e-mail da un buon indirizzo IP. Questo è un indirizzo IP non deve essere stato utilizzato per mail di spam in passato. In questo utilizzare servizi di email marketing professionali diventa cruciale.
  • Invia e-mail attraverso domini verificati.
  • Mantieni pulito il codice del template della email (se lo crei tu).
  • Mostra agli iscritti come autorizzare le tue e-mail e chiedi loro di aggiungerti alla loro rubrica.
  • Evitare un uso eccessivo del linguaggio “vendita” (si tratta di parole che attivano lo spam come “buy”, “sconti” o “cash”).
  • Includi la tua posizione.
  • Includi un modo semplice per gli iscritti di annullare la propria iscrizione all’e-mail list.

Praticamente tutto questo viene gestito quando si sceglie un servizio di email marketing affidabile, ma se utilizzi un servizio gratuito, fai attenzione che le email che invii non finiscano direttamente nello spam!

2. Ottimizza la mail per il mobile

Gli smartphone nel 2019 sono stati utilizzati per leggere le email nel 64% dei casi.

Assicurati che la tua e-mail sia reattiva e facilmente caricabile. Considera anche il fatto che gli schermi mobili sono più piccoli, segui queste linee guida.

Ecco alcuni altri suggerimenti per attirare gli utenti di dispositivi mobili:

  • Mantieni la formattazione semplice (colonna singola), con larghezza inferiore a 600 px.
  • Usa un carattere grande. I caratteri piccoli sono difficili da leggere sul cellulare.
  • Non dare per scontato che le immagini vengano visualizzate (Android disattiva le immagini per impostazione predefinita). Assicurati che il contenuto sia leggibile anche senza di loro.
  • Usa immagini più piccole per ridurre i tempi di caricamento.
  • Utilizza un pulsante di invito all’azione di grandi dimensioni. I pulsanti più grandi sono più facili da toccare.
  • Non posizionare due collegamenti uno accanto all’altro o uno sopra l’altro. In questo modo, l’utente non toccherà quello sbagliato.

3. Rimuovi regolarmente gli utenti inattivi dalla mailing list

È importante inviare e-mail ai tuoi iscritti in modo coerente, in modo che il tuo elenco non diventi obsoleto. Alcune persone potrebbero aver cambiato account di posta elettronica o forse non sono più interessate al tuo marchio.

Per mantenere aggiornato l’elenco e mantenere solo gli iscritti attivi, è una buona idea rimuovere periodicamente gli iscritti inattivi. Un iscritto inattivo potrebbe essere chiunque non abbia interagito con le e-mail negli ultimi 6 mesi o più.

Prima di sbarazzartene, però, prova a inviare un’altra campagna e-mail per provare a coinvolgere nuovamente i tuoi iscritti inattivi. Ad esempio, potresti inviare un’email provocatoria in cui chiedi “Ti annoio?” e chiedi se vogliono ancora rimanere iscritti. Alcune persone rispondono, ma tutte le altre vanno eliminate.

Un altro modo per mantenere aggiornato il tuo elenco consiste nel verificare con i tuoi iscritti una volta ogni tanto se desiderano aggiornare le loro informazioni e le loro preferenze. In questo modo, viene loro ricordato che possono prendere il controllo di come vogliono interagire con te.

4. Il momento giusto per l’email

Qual’è il momento giusto per inviare un’email? Qual’è il giorno della settimana in cui le email sono lette di più?

Ce lo spiega un interessantissimo studio di Yes Marketing relativo all’engagement e alle conversioni associate.

email marketing engagement

In generale il fine settimana si hanno le aperture più alte, ma è il sabato il giorno in cui pare si abbiano le conversioni migliori.

Prova a chiederti cosa sta facendo il tuo pubblico: cosa stanno facendo la mattina, il pomeriggio e la sera? Com’è la loro giornata lavorativa? Fino a che ora stanno svegli la notte? Quanto presto si alzano al mattino?

5. Scrivi come se scrivessi ad un tuo amico

Quando scrivi le tue e-mail, metti da parte il cappello aziendale e scrivi come un amico. Questo è l’unico modo per attirare davvero i tuoi iscritti e convincerli a leggere le tue e-mail.

Ad esempio, una frase aziendale come “Stiamo offrendo risparmi ai nostri clienti!” non convertirà bene come “ciao Andrea, questa volta devi dare un’occhio a questo affare!”.

Un po’ di humor in una mail crea rapport ed è sempre molto più apprezzata che una semplice mail informativa.

Questo approccio rende l’e-mail molto più personale e rende meno probabile che i destinatari eliminino semplicemente il tuo messaggio e proseguano.

Ricorda: nell’era delle informazioni, tutti cercano un motivo per ignorare le tue e-mail. Non stanno cercando un motivo per leggerle. Ma se fai appello a loro a livello personale, avrai maggiori possibilità di aprire quell’e-mail.

Tutti questi suggerimenti possono aiutare qualsiasi campagna a ottenere tassi di apertura migliori, ma non scoraggiarti se non vedi subito un’inversione di tendenza.

L’email marketing è un’arte e una scienza, quindi concediti un po ‘di spazio per sperimentare e scoprire quali tattiche funzionano meglio per la tua azienda e i tuoi iscritti .

Come creare mail che vengano lette…davvero

L’email marketing è tutto basato sulle aspettative, e spetta a te rispettarle.

Se il tuo invito all’azione è forte e il tuo follow-up è coerente, puoi contare su una campagna positiva.

Se al contrario prometti di inviare una e-mail a settimana e poi la invii quotidianamente, hai già perso di credibilità.

Questo è il motivo per cui la prima e-mail dopo l’iscrizione è così cruciale per il successo dei tuoi sforzi di e-mail marketing.

Quasi tutti i fornitori di servizi di posta elettronica ti danno la possibilità di creare una sequenza di risposta automatica ed è indispensabile che tu impari ad utilizzarla.

L’email di follow-up iniziale deve essere inviata immediatamente come un modo per presentarti, ringraziare, e far capire cosa intendi fare con l’indirizzo email del tuo nuovo abbonato.

È meglio essere dettagliati piuttosto che essere troppo frugali, ma se riesci a spiegarti in modo rapido e conciso, allora tanto meglio!

Da qui, è semplicemente una questione di essere all’altezza delle aspettative del cliente.

Monetizzare i contenuti in 3 passaggi:

Cerchiamo di capire come costruire un contenuto che monetizzi e catturi l’attenzione del cliente. Divideremo questa fase in 3 passaggi.

1) La frequenza delle mail

Non stai gestendo un elenco di email per divertimento: sei lì per coinvolgere i clienti e concludere vendite.

Ma passare da una lista di e-mail che fornisce valore gratuito ad una lista che elenca semplicemente prodotti in vendita non deve essere il tuo obiettivo.

Per monetizzare efficacemente la tua mailing list, è fondamentale creare sempre una presentazione. Non vuoi scoprire il tuo servizio o prodotto troppo rapidamente.

Avrai una campagna di maggior successo se i tuoi iscritti si aspettano mail di vendita solo ogni tanto, non continuamente!

Se hai l’abitudine a focalizzarti sulle vendite, prova a metterti nei panni del lettore.

Chiediti se la tua messaggistica è coerente con le aspettative che hai impostato. Se possibile, cerca di capire in cosa il cliente ha mostrato interesse e batti quella linea per alimentare il suo interesse.

Naturalmente ogni azienda ha esigenze diverse e non esistono regole rigide e veloci sulla frequenza con cui è possibile presentare o fornire contenuti.

In generale, la frequenza ideale per inviare le mail all’interno di un piano di email marketing è quella di 1 mail a settimana.

Considera anche che molte campagne di email marketing “scattano” al lunedì mattina, quindi evita quel giorno per non sprofondare nella marea delle altre mail. Usa una mattina, possibilmente infrasettimanale.

Ricorda anche che una mailing list è una risorsa cruciale che ti permette di avere un contatto diretto con i tuoi clienti. Meglio usarla con cautela e inviare una mail in meno che rischiare di essere inseriti nello spam.

2) Come scrivere una mail

Visto che siamo sull’argomento contenuti, parliamo della differenza tra una buona newsletter e una cattiva newsletter.

Il primo segno che hai ricevuto di una cattiva newsletter è che non ricordi di aver mai chiesto di riceverla.

In genere, questo accade quando un’azienda non riesce a mantenere una normale routine di email marketing, o aggiunge manualmente qualcuno al proprio elenco dopo aver ricevuto un biglietto da visita o una e-mail personale.

Assicurati che tutti si ricordino di te: il modo migliore per farlo è non lasciare che le tue e-mail siano troppo lontane le une dalle altre. Cerca di inviarne almeno una al mese, considerando che una mail a settimana resta l’ideale.

Le newsletter più avvincenti sono quelle che riescono ad alternare contenuti a promozioni.

Come regola generale, prova a utilizzare la tua newsletter come un modo per migliorare la tua relazione con il lettore / cliente, possibilmente aggiungendo valore al contenuto proposto dalla mail.

Usa i toni più accesi quando sarà il momento di vendere o proporre offerte imperdibili!

3) L’arte dell’autoresponder

Usare correttamente un servizio di email marketing, significa imparare l’arte dell’utilizzo dell’autoresponder.

Se hai appena iniziato con la mailing list, è facile immaginare che avrai tempo per rispondere personalmente a ogni nuovo abbonato.

Ma una volta che inizi a ricevere più di una manciata di iscritti ogni giorno, diventa quasi impossibile continuare così. Eppure come avrai notato esistono campagne di email marketing che non smettono mai di inviare mail.

Il segreto di queste campagne di email marketing è l’utilizzo dell’autoresponder.

Un autoresponder svolge un lavoro tanto semplice quanto importante: invia automaticamente e-mail programmate in anticipo.

Pianificando una serie di e-mail da inviare in anticipo, è possibile evitare di “oscurarsi” per un certo periodo di tempo.

Spesso le aziende pianificano una serie di e-mail, che vanno da pochi giorni a qualche mese, che vengono consegnate automaticamente, mantenendo informata e “sul pezzo” l’intera mailing list.

Programmare in anticipo le mail da inviare ha un duplice vantaggio: in primo luogo mantiene i tuoi iscritti reattivi nei tuoi confronti e pronti a ricevere le tue mail di vendita quando arriveranno.

In secondo luogo programmare campagne di email marketing da qualche mese, ti permette anche di scremare i clienti veramente interessati da quelli che non lo sono.

Alla fine della campagna, i clienti attivi saranno coloro davvero pronti per reagire positivamente al lancio del tuo nuovo servizio o prodotto!

Vediamo un esempio di campagna tramite autoresponder:

Email 1: Introduzione e ringraziamenti per l’iscrizione.

Email 2: spiega perché l’argomento / problema specifico è importante. Questo aiuta a valorizzare la domanda per il tuo prodotto.

Email 3: spiega cosa fare per risolvere il problema specifico / raggiungere un determinato obiettivo. Questo crea credibilità e inizi anche a dare valore al lettore.

Email 4: Spiega come risolvere il problema in modo più dettagliato. Puoi citare la vendita e menzionare che lancerai un nuovo prodotto / programma tra qualche giorno.

Email 5: lancia il tuo prodotto/servizio. Indica al tuo elenco che il tuo prodotto è live e può essere acquistato nei prossimi giorni. Successivamente, chiuderai gli acquisti e non sarà più disponibile.

Email 6: ricorda ai tuoi iscritti del prodotto. Aggiungi delle testimonianze delle persone che lo hanno acquistato, cosa ne pensano gli altri e quanto sarà ancora disponibile.

Email 7: ultimo giorno prima della chiusura, prima email. Informa i tuoi iscritti che mancano 24 ore e che il tuo prodotto non sarà più disponibile. Ricorda loro cosa impareranno nel tuo programma/ i vantaggi del tuo prodotto.

Email 8: ultimo giorno prima della chiusura, seconda email. Passa alla scarsità e sottolinea che mancano solo poche ore. Successivamente, il tuo prodotto non sarà disponibile.

Email 9: due ore prima della chiusura. È qui che vai in piena scarsità e ti concentri sul cambiamento che le persone vogliono fare nelle loro vite. Quanto vogliono veramente risolvere i loro problemi / raggiungere i loro obiettivi?

Email 10: carrello chiuso. Invia una e-mail per spiegare agli utenti che il prodotto non è più disponibile. Condividi dati su quante persone sono entrate nel tuo programma. Grazie a tutti per il loro supporto.

Naturalmente potrai personalizzare ogni punto. Ma un autoresponder lavora esattamente in questo modo. Va impostato 1 sola volta e poi procederà autonomamente per tutto il periodo della campagna!

Email marketing personalizzato: la list segmentation

La segmentazione dell’elenco e-mail è il processo di suddivisione degli iscritti in gruppi più piccoli in base a criteri specifici, in modo da poter inviare loro e-mail più personalizzate e pertinenti.

Piuttosto che inviare le e-mail sull’intero elenco mail chehai a disposizione, la segmentazione consente di inviare determinate e-mail solo agli iscritti che ritieni siano i più interessati a tali contenuti, con conseguenti conversioni più elevate.

È dimostrato segmentare la mailing list in sottogruppi le percentuali di lettura, diminuisce le disiscrizioni e aumenta significativamente le conversioni. Ecco perché qualsiasi esperto di email marketing deve imparare ad usare la segmentazione per migliorare l’efficacia delle campagne.

Ma come si svolge tecnicamente la segmentazione delle liste email?

La prima cosa da fare è targetizzare i tuoi clienti. In questo sono fondamentali gli strumenti di servizi email professionali che permettono di discriminare le mail a seconda delle risposte del pubblico agli “inviti all’azione”.

Per esempio GetResponse permette di inserire pulsanti nel template della email, in modo che a seconda della risposta data dall’abbonato, la mail successiva sia specificamente basata sulla risposta data!

Naturalmente starà a noi associare alla determinata risposta il profilo dell’abbonato (e i servizi, contenuti o prodotti che riteniamo più adatti ai suoi gusti).

Non sottovalutare il potere di questo tipo di procedura.

In Italia non è molto comune inviare email “interattive” ed è dimostrato che questo tipo di email si molto più apprezzato dagli iscritti e dai clienti.

Un abbonato risponderà volentieri alle domande che porrai all’interno della mail: per lui sarà letteralmente divertente farsi profilare nel tempo!

Un utente abbonato, profilato e che interagisce con la tua mailing list non solo sarà motivato nel ricevere le tue mail, ma effettuare acquisti a seguito delle tue mail nel 65% dei casi in più. Perchè si sarà creato un vero rapporto tra azienda e cliente.

Esistono diverse strategie per segmentare efficacemente una mailing list. Vediamo i più utilizzati:

  • Nuovi iscritti: invia ai nuovi iscritti un’email di benvenuto o una “campagna benvenuti”.
  • Preferenze: iscritti che desiderano conoscere i post di un blog/contenuti, rispetto a coloro che preferiscono promozioni o offerte di vendita.
  • Interessi: per esempio, iscritti a cui piace la musica classica rispetto a quelli a cui piace il pop.
  • Posizione: avvisa gli iscritti che vivono in aree diverse in maniera differente.
  • Offerte per interazioni: premia i tuoi iscritti più attivi con un’offerta speciale solo per loro.
  • Inattività: crea campagne specifiche per i sottoscrittori inattivi.

Naturalmente queste sono solo alcune delle categorie più utilizzate per dividere le mailing list in gruppi diversi!

Ricorda che il vero email marketing non è “mandare mail a tutti”, ma imparare a targetizzare i tuoi iscritti in modo da conoscerli, fidelizzarli, e proporre i prodotti o servizi più adatti a loro.
Quando, dopo mesi, scriverai ad un cliente che “questo servizio è pensato proprio per gli amanti della musica classica, come te Andrea!“, lui rimarrà stupefatto. Te lo assicuriamo!

L’Email Marketing: uno strumento indispensabile

Se fino ad oggi hai ignorato l’email marketing, potrebbe essere il momento di rivalutare la tua strategia.

Oggi l’email marketing sta producendo enormi ritorni economici per gli esperti di marketing disposti a dedicare un minimo di tempo e risorse.

Come hai visto non c’è nulla di complicato, ma perchè una campagna di email mareting funzioni davvero, va gestita con del criterio e con degli strumenti adatti.

Innanzitutto, ricorda sempre che sei un ospite nelle caselle di posta dei tuoi iscritti. Le tue e-mail sono sempre a un solo clic di distanza dal perdere il loro interesse per sempre. Sii educato, rispettoso e offri valore.

Poi, segui le promesse che fai. Fornisci alle persone ciò che hanno chiesto e invia un’email su base regolare in linea con le loro aspettative.

Quindi, passa alla segmentazione e all’analisi della tua mailing list. La segmentazione e la capacità di interagire positivamente con i tuoi iscritti faranno la differenza da una discreta conversione e una conversione eccezionale!

Sei pronto quindi per iniziare una campagna di email marketing come un vero professionista?

Email Marketing FAQ

Cos’è l’email marketing?

L’email marketing è l’atto di indirizzare i consumatori con un messaggio commerciale tramite e-mail con l’obiettivo di aumentare le vendite, fidelizzare i clienti o comunicare informazioni importanti. Nel suo senso più ampio, ogni e-mail inviata a un cliente potenziale o attuale potrebbe essere considerata e-mail marketing. Implica l’utilizzo dell’email per inviare annunci pubblicitari, richiedere attività commerciali o sollecitare acquisti o azioni.

Quali sono i tipi di email marketing esistenti?

Esistono tre tipi possibili di campagne e-mail marketing:

1. Newsletter e offerte. Si tratta di e-mail che vengono inviate una volta all’elenco e forniscono contenuti, notizie e offerte aggiornati.
2. Email transazionali. Queste e-mail sono utilizzate nell’e-commerce e comprendono la conferma dell’ordine, ricevute, fatture ed e-mail di conferma della spedizione.
3. Email comportamentali. Si tratta di e-mail che vengono attivate in base ad azioni degli abbonati, come e-mail di benvenuto quando un utente si unisce al tuo elenco, e-mail di upsell / cross-sell, email legate alle preferenze o e-mail di revisione post-acquisto.

Come si svolge l’email marketing?

1. Scegli un fornitore di servizi e-mail come GetResponse, ConvertKit o similari.
2. Raccogli i contatti tramite moduli di attivazione per ampliare la tua lista e-mail.
3. Crea i tuoi modelli di email iniziali.
4. Crea le tue serie di e-mail di benvenuto.
5. Scrivi le tue e-mail con contenuti persuasivi per invogliare i tuoi lettori ad agire.
6. Crea dei test e delle interazioni per valutare e segmentare il tuo pubblico.
7. Visualizza l’anteprima della tua e-mail nella piattaforma per assicurarti che venga visualizzata su tutti i dispositivi.
8. Pianifica e invia la tue e-mail nelle settimane e nei mesi.
9. Studia i segmenti di pubblico per capire cosa e come ha convertito meglio.

Qual’è il momento migliore per inviare le email?

Il momento migliore per inviare le email dipende essenzialmente dal tuo tipo di business.
Tuttavia, secondo alcuni test, il fine settimana è il momento in cui le persone sono più motivate ad aprire le email.
Le conversioni maggiori, così come le vendite, avvengono fra il giovedì e il sabato.

Andrea
Andrea, che dopo una laurea in ingegneria chimica si è provato a chiedere se il mondo digitale potesse fare per lui. E così è stato. Oggi gestisco oltre 20 siti e progetti web indipendenti, tra cui selfmadeweb di cui sono creatore. Insieme a Roberto e Matteo (amici, prima che collaboratori) proviamo ad avvicinare i meno esperti al mondo del web, in maniera costruttiva. Ad oggi, Selfmadeweb.it è una delle piattaforme online di digital marketing più lette in Italia. Benvenuto in famiglia!
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments