ConvertKit: 7 Pro, 5 Contro + Guida – Il TOP al Mondo?

Convertkit recensione

ConvertKit è uno dei software di email marketing più famosi del pianeta. Online se ne parla un gran bene, ma prima di decidere se merita la fama di cui gode ho deciso di provarlo per 2 settimane.

D’altra parte, la mailing list è una cosa seria!

Ma per costruire una mailing list redditizia, abbiamo bisogno di una piattaforma di strumenti di email marketing di qualità. Dunque, ConvertKit è uno di questi?

Oggi scopriremo se ConvertKit merita la fama (positiva) di cui gode, rapportandolo con le migliori alternative sul mercato!

Un provider email facile da usare e funzionale, permette, soprattutto di risparmiare tantissimo tempo per dedicarsi alle cose più importanti.

Nell’articolo di oggi, vedremo i Pro e i Contro di ConvertKit soprattutto rispetto a quelli che considero i migliori strumenti di email marketing di oggi. Questo post è in parte un tutorial ConvertKit e in parte una recensione ConvertKit.

Inizieremo con il tutorial e giungeremo alle conclusioni rispetto agli altri verso la fine.

Quindi, se vuoi sapere esattamente come configurare un sistema di email marketing di base, lo troverai utile.

Iniziamo!

Iniziare con ConvertKit

Se vuoi seguire questa recensione, procurati una prova gratuita di 14 giorni di ConvertKit. Non è necessario inserire alcuna informazione di fatturazione.

Questa recensione funge anche da tutorial, quindi sarai in grado di guardare quello che faccio e riprodurlo attraverso l’account gratuito.

Ora, ConvertKit ha un ottimo processo di tutoring, compresa la lista di controllo delle cose da seguire. Tuttavia vedremo alcune cose in maniera leggermente diversa per garantire una comprensione migliore per tutti.

Quindi, ecco un’idea approssimativa del processo che seguirei per iniziare (e giudicare) Converkit:

  • Informazioni sull’account: iniziamo dal completare le info sul nostro account.
  • Aggiungi la prima sequenza di e-mail: potrebbe essere una semplice e-mail di benvenuto.
  • Crea il mio primo modulo: questo sarà il modulo per la principale offerta.
  • Crea la prima automazione visiva: con la sequenza e il modulo completati, sarà più facile costruire il flusso di lavoro di automazione.
  • Aggiungi informazioni di fatturazione: se tutto sembra a posto, inserisci le mie informazioni di fatturazione.

Ora, diamo un’occhiata a come sono organizzate e come sistemare le impostazioni di base dell’account.

Impostazioni di ConvertKit

Ok, il nostro primo passo è completare le impostazioni di base dell’account.

Fortunatamente, non ci sono troppe impostazioni importanti quindi è una cosa molto rapida.

A parte cose come l’inserimento dei dati di fatturazione, le impostazioni più importanti si trovano nella scheda “Email” all’interno delle impostazioni dell’account. Accederai alle impostazioni del tuo account facendo clic sul nome del tuo sito web nell’angolo in alto a destra.

I principali aspetti da considerare sono 3:

  • Nome ed e-mail: dovrai selezionare l’indirizzo e-mail da cui desideri inviare le e-mail e confermarlo. Ti consiglio di utilizzare un indirizzo email con marchio che utilizzi solo per la tua newsletter. Per il “nome del mittente”, preferisco usare il “nome del marchio”: se hai un blog personale, ti consiglio di utilizzare solo il tuo nome.
  • Ora predefinita per l’invio di e-mail: hai la possibilità di non inviare e-mail in determinati giorni e seleziona l’ora specifica in cui verranno inviate le e-mail nelle tue sequenze. È possibile sovrascrivere questi tempi nelle impostazioni per le sequenze.
  • Dettagli dell’indirizzo: questo è un requisito legale, ma non preoccuparti. Non è necessario utilizzarlo per forza perché tutto funzioni, ma ricordati che per legge dovrebbe essere presente l’indirizzo della sede da cui invii le email (che sia personale o della società).

In alto a destra potrai visualizzare i tuoi modelli di email e scegliere quale. Questo non è essenziale, ma vale la pena esaminarlo per assicurarti che le tue email abbiano l’aspetto che desideri.

Sarai in grado di impostare un account predefinito per i modelli di email e sovrascrivere il valore predefinito all’interno delle sequenze.

C’è anche un’opzione per invitare i membri del team. Puoi scegliere di assegnare nuovi utenti come amministratore o editore.

Configurazione della prima sequenza di e-mail in ConvertKit

Ora andremo alla scheda delle sequenze e creeremo la nostra prima sequenza di email.

Un rapido consiglio prima di iniziare…

Prima di iniziare ad aggiungere email alla sequenza, ti consiglio di aggiungere un’email di base e di cambiarla da “bozza” a “pubblicata”.

Potrebbe sembrare strano, ma quando lo fai per la prima volta, ti verrà chiesto di aggiungere alcune informazioni per ottenere l’approvazione del tuo account. Il processo di approvazione è una misura di sicurezza per salvaguardare i tassi di consegna per tutti coloro che utilizzano la piattaforma.

Per intenderci, è un modo per bloccare spammers ed eventuali bot. Io l’ho apprezzato molto. Mentre aspetti che il processo venga completato, sarai in grado di mettere in ordine o creare la tua sequenza.

Una volta pubblicata la tua prima mail e completato il modulo, il team di supporto di ConvertKit ti contatterà per completare il processo. È semplice e il tempo necessario può variare.

In genere ci vogliono circa 2 giorni lavorativi per essere approvati, ma è un “prezzo” che permette di mantenere alti i tassi di consegna. Qualsiasi piattaforma di posta elettronica che non dispone di questo tipo di protezione subisce inevitabilmente la diminuzione dei tassi di consegna nel tempo.

Un classico esempio è MailChimp, che ha accumulato così tanti utenti che ha fra i tassi di consegna più bassi della categoria.

Portare le e-mail in ConvertKit

Spostare le sequenze e-mail in ConvertKit è piuttosto semplice. Si tratta semplicemente di copiarle e incollarle.

Durante l’aggiunta di collegamenti, mi sono assicurato di impostare i trigger dei clic. In pratica quando qualcuno fa clic su un collegamento in una delle email, si crea un tag al suo indirizzo email. Puoi aggiungere nuovi tag dalla dashboard principale o mentre aggiungi collegamenti all’interno delle tue e-mail.

Convertkit email

Uno dei tag che ho aggiunto era a un’e-mail in cui chiedo agli iscritti di compilare un sondaggio. Più avanti nella mia sequenza, invio un’e-mail di promemoria sul sondaggio.

La cosa interessante di questo è che dall’editor di posta elettronica sono stato in grado di aggiungere un filtro a quell’email. Ho selezionato il tag che ho utilizzato per tenere traccia delle visite al sondaggio ed escluso tutti coloro che hanno fatto clic sul collegamento.

Ciò significa che l’email non verrà inviata a chi ha già compilato il sondaggio. Ottimo!

Mettere in ordine la sequenza delle e-mail

La scheda sul lato sinistro consente di riordinare le e-mail. Basta fare clic sull’e-mail e trascinarla dove desideri che vada.

È quindi possibile selezionare quando si desidera inviare ciascuna e-mail selezionando quanti giorni dopo l’e-mail precedente. Se selezioni “0”, la tua email verrà inviata immediatamente.

Sebbene tu abbia le impostazioni predefinite per le e-mail, puoi sovrascrivere alcune impostazioni per ciascuna sequenza.

Personalizzazione delle impostazioni per la sequenza

Infine, puoi scegliere da quale indirizzo email desideri inviare, nonché quando vengono inviate le email.

Se desideri cambiare modello di email, aggiungere regole di esclusione o duplicare la sequenza, puoi fare tutto dalla pagina delle impostazioni.

Monitora i tuoi risultati con il report delle sequenze

Sebbene la dashboard dell’account ti mostrerà le metriche di primo livello, puoi approfondire le specifiche di come si sta comportando la tua sequenza.

Una volta all’interno della sequenza, troverai il pulsante “reportistica” sul lato destro.

Infine hai la possibilità di visualizzare in anteprima le tue e-mail all’interno del tuo browser o inviando un’e-mail di prova. Vale la pena farlo per assicurarsi che tutto funzioni come previsto.

Dovrai quindi modificare le tue email da “bozza” a “pubblicate”.

Configurazione di moduli e Landing Page in ConvertKit

Vediamo i moduli e le Landing Page di ConverKit.

Spesso è più facile utilizzare moduli di attivazione esterni, piuttosto che quelli integrati in un provider di posta elettronica.

Stesso discorso vale per le landing page: un buon landing page builder batterà sempre una landing creata con un software email.

Detto questo, la funzionalità dei moduli e delle landing page in ConvertKit è ottima. Troviamo diversi tipi di moduli e modelli di landing page, tutti piuttosto facili da personalizzare.

Ora, è importante notare che anche se desideri utilizzare uno strumento esterno per aggiungere moduli di attivazione al tuo blog, dovrai comunque creare un modulo in ConvertKit.

Quando colleghi uno strumento di terze parti come a ConvertKit, infatti, si connetterà a un modulo. Ciò significa che puoi creare un modulo in ConvertKit che verrà successivamente collegato al tuo sito web.

Ora creiamo un modulo di base. Ho fatto clic sul pulsante “nuovo modulo” e ho selezionato il modulo (tratteremo le pagine di destinazione tra un momento).

Come creare un modulo in ConvertKit

Per prima cosa dobbiamo scegliere la forma del modulo (modale, slide in o online).

C’è un menu in alto e puoi fare clic sul nome del modulo a sinistra per rinominarlo. E un menu verticale sul lato destro. Per modificare il modulo dobbiamo personalizzare i campi del modulo, la copia e il pulsante.

L’editor è semplice da usare, è sufficiente fare clic sull’elemento da modificare e vedremo le opzioni da modificare sul lato destro.

Se è necessario aggiungere un campo personalizzato al modulo, è possibile farlo facendo clic sul simbolo +.

Nota: quando aggiungi un nuovo campo modulo, puoi passare a un tag che ti consente di visualizzare un menu a discesa sul modulo. Pertanto, gli iscritti selezioneranno il contenuto che desiderano ricevere. Nel tuo account, verrà assegnato loro un tag specifico in modo da sapere quali contenuti inviare a quali iscritti.

Dopo aver personalizzato gli elementi del modulo, faremo clic sulla parte superiore del menu a destra.

Per impostazione predefinita, il modulo mostrerà un messaggio di successo. Ma puoi fare in modo che reindirizzi qualcuno a una pagina diversa. Mando le persone a una pagina di ringraziamento che spiega come confermare il loro indirizzo email e conferma cosa riceveranno gli iscritti quando lo faranno.

Vale la pena farlo anche se desideri impostare il monitoraggio degli obiettivi in Google Analytics.

Creazione di una Landing Page in ConverKit

Il processo di creazione di una landing page è molto simile a come creeresti un modulo, ma diamo un’occhiata alle parti che non sono uguali.

Innanzitutto, hai accesso a una serie di modelli di landing page. Io consiglio di partire da uno di questi, per semplificare e velocizzare la realizzazione della landing.

Convertkit landing page

Ora è il momento di personalizzare la landing page. Funzionerà in modo simile al modulo, ma con alcune altre opzioni di personalizzazione.

Quindi, personalizzerai la pagina facendo clic su elementi specifici nella pagina. Vedrai quindi le impostazioni per quegli elementi apparire sul lato destro. Quando evidenzi il testo, avrai la possibilità di aggiungere collegamenti e formattazione (grassetto, corsivo, ecc.).

Quando si tratta delle impostazioni principali sul lato destro, avrai alcune opzioni extra che i moduli non hanno. Ad esempio, nella pagina degli stili, sarai in grado di modificare alcune delle impostazioni specifiche del modello.

Infine, c’è una scheda extra per le integrazioni SEO (titolo e meta descrizione) e analisi. Per esperienza, non aspettarti troppo dalle prestazioni SEO della landing page, visto che resta comunque mirata alle conversioni, e non all’indicizzazione organica.

Come gestisco l’analisi dei dati e i pixel della landing page?

Facendo clic su ciascuno degli strumenti verranno rivelate le impostazioni che è necessario inserire. Ad esempio, per Google Analytics avrai bisogno del tuo ID UA, mentre per Facebook, avrai bisogno del tuo ID pixel di tracciamento.

Convertkit pixel

Infine ti ricordo che ConvertKit ospita le landing sui propri server automaticamente, e ti fornirà un URL da condividere. Ma puoi anche ospitare queste pagine sul tuo sito web attraverso l’apposito plugin WordPress di ConverKit.

Le automazioni email in ConvertKit

Ottimo, ora che abbiamo la sequenza e i moduli e-mail pronti, è il momento di collegarli alla prima automazione visiva.

Esistono alcuni modi per gestire l’automazione in ConvertKit. Puoi impostare le regole in un formato di tipo “se questo accade, allora…”, ma concentriamoci sulle automazioni visive: sono molto più facili da gestire.

A livello di base, queste automazioni visive consentono di creare un percorso attraverso il quale verranno gestite le email inviate agli iscritti.

Puoi scegliere vari modi per avviare un’automazione, come ad esempio:

  • Qualcuno si iscrive a un modulo
  • Qualcuno viene aggiunto a un tag
  • Viene modificato un campo personalizzato
  • Viene effettuato un acquisto

Quindi, puoi personalizzare quel percorso aggiungendo:

  • Eventi – Per esempio quando avvengono determinate cose, come l’aggiunta di un tag, l’acquisto di un prodotto, ecc.
  • Azioni – qui puoi aggiungere l’iscritto a una sequenza di e-mail, tag o spostare manualmente l’iscritto in una lista.
  • Condizioni – Pensa a questi come rami decisionali. Sono un “bivio”, in cui se un iscritto soddisfa un insieme specifico di condizioni (acquisti, interessi ecc) può passare al passaggio successivo.
convertkit automazione email marketing

Se ti sembra molto da elaborare, non preoccuparti: avrai già un’automazione di base aggiunta al tuo account e l’opzione per importare modelli di automazione.

L’automazione normalmente inclusa per impostazione predefinita aggiunge semplicemente gli iscritti a una sequenza di email, dopo che si sono iscritte tramite un modulo, quindi aggiunge un tag quando hanno completato la sequenza.

Puoi modificare ogni elemento dell’automazione passando con il mouse su ogni passaggio e facendo clic sul pulsante “modifica passaggio”.

Se fai clic direttamente su un modulo o una sequenza, sarai in grado di modificarlo nella finestra di automazione visiva. Non perderti più nelle pagine delle impostazioni!

Puoi aggiungere eventi, tag e condizioni in qualsiasi momento facendo clic sui simboli “+”. Una delle migliori caratteristiche del generatore di automazioni è la possibilità di condividere e importare le automazioni.

Quindi, se ti ritrovi a pensare: “Che tipo di automazioni posso creare?” sappi che ConvertKit ha automazioni che possono essere importate direttamente nel tuo account.

La tua automazione visiva è pronta? Grande! Basta premere il pulsante “Pausa” in alto a destra e la tua automazione sarà quindi attiva.

I broadcast ConvertKit

I broadcast sono una funzionalità particolare di Convertkit. Sono ciò che utilizzerai per alcune email che non fanno parte di una sequenza.

È un modo per mandare un messaggio a certi iscritti (o a tutti), al di fuori delle sequenze. Come l’ultimo numero della tua newsletter, ad esempio, o un’informazione importante.

Per iniziare, vai alla pagina “Broadcast” e fai clic sul pulsante. Prima di scrivere un Broadcast, dovrai scegliere quale dei tuoi iscritti riceverà la email e da quale indirizzo email inviarla.

Convertkit broadcast

La funzionalità di segmentazione per i broadcast è ottima. Per impostazione predefinita, la tua e-mail verrà inviata a tutti gli abbonati, ma puoi fare clic su “Tutti gli abbonati” per modificare il filtro e rivelare molte altre opzioni, tra cui solo alcune liste o solo specifici indirizzi email.

Segmentazione e Test A/B

Puoi creare una segmentazione del broadcast cliccando su “Iscritto a”, decidendo di inviare a coloro che sono iscritti a certi moduli, liste, tag.

Vuoi essere ancora più specifico? Puoi aggiungere più filtri o persino gruppi di filtri, se necessario.

Successivamente, dovrai aggiungere i contenuti. In questa pagina vedrai un editor di email come quello utilizzato per le sequenze. Quindi, puoi visualizzare in anteprima le e-mail mentre le scrivi, modificare i modelli di e-mail, ecc.

Ma c’è una funzionalità aggiuntiva: il test A / B. Quindi, puoi testare diverse e-mail / righe di oggetto l’una contro l’altra per scoprire quale funziona meglio. Basta premere il pulsante A / B per utilizzare questa funzione:

Una volta che il contenuto è pronto, andrai alla pagina di anteprima. Ti consiglio di utilizzare l’opzione “Anteprima come iscritto” per verificare che tutto funzioni come dovrebbe: ti invierà un’email proprio come quella che riceverebbe un abbonato.

È quindi possibile scegliere di salvare il broadcast come bozza, inviarla immediatamente o programmarla per una data successiva.

E i rapporti? Dopo aver inviato il primo broadcast, vedrai i dati nella pagina principale “broadcast”. E in modo simile a come funzionano le sequenze, facendo clic sull’e-mail verrà visualizzato un rapporto in modo da poter visualizzare in dettaglio le prestazioni di ciascuna e-mail.

ConvertKit Recensione: I 7 PRO principali

ConvertKit è oggettivamente uno dei migliori software di email marketing in assoluto.

Ma perché? Quali sono i principali punti di forza, anche confrontandolo con altri software di email marketing?

1. La facilità di inoltrare nuovi “hook” (bonus) alle liste

Iniziamo col dire che nessun’altra piattaforma rende così facile inviare bonus, o nuovi “hook” per stimolare l’attenzione e aumentare l’interazione con le email.

La maggior parte delle piattaforme, se vuoi offrire un secondo bonus (per esempio un ebook gratuit), devi creare un secondo elenco o creare un nuovo percorso tramite l’automazione visiva.

Con ConvertKit, posso creare un nuovo modulo e offrire un nuovo bonus in pochi minuti. E le persone riceveranno il loro omaggio non appena premeranno il pulsante di conferma: il flusso di lavoro perfetto per la creazione di elenchi!

2. Interfaccia fra le più chiare e facili in assoluto

Ho utilizzato diversi strumenti di email marketing nel corso degli anni, ma ho trovato l’interfaccia di ConvertKit la più semplice con cui lavorare.

Forse anche più semplice di GetResponse, che da sempre punta alla facilità di utilizzo.

Semplicemente, troviamo ogni funzione dove dovrebbe essere. Il modo in cui puoi fare clic su una sequenza o un modulo dall’interno del generatore di automazione visiva e modificare senza lasciare la pagina, è quello che dovrebbero avere tutti gli strumenti di email marketing (ma che non hanno).

Se cerchiamo una spiccata facilità di utilizzo, Convertkit è decisamente un’ottima scelta.

3. Verifica degli account per salvaguardare i tassi di consegna

Come molti di noi sanno, uno dei problemi maggiori degli strumenti di email marketing è il tasso di consegna.

È uno dei problemi più gravi che affliggono soprattutto i software email che offrono piani gratuiti. Infatti gli “spammers” utilizzano questi piani per realizzare campagne di spam, che vengono catalogate dagli email provider (gmail, outlook, hotmail, ecc) come spam.

N.B: una volta che un email provider decide che un certo indirizzo IP invia spam (solitamente a causa dei bassi tassi di lettura), tutte le email inviate da quell’indirizzo IP verranno classificate come spam

Il problema nasce dal fatto che un email provider assegna lo stesso IP a molti clienti diversi. Quindi se alle nostre email viene assegnato un IP che è precedentemente stato classificato come “spam” dai provider, vedremo dei tassi di lettura bassissimi (nonostante i tassi di consegna risultino normali).

Ad esempio, MailChimp ha un problema serio con le persone che si iscrivono e importano contatti LinkedIn (o elenchi acquistati), quindi inviano immediatamente e-mail a cui nessuno si è registrato.

Per risolvere il problema i software di email marketing hanno 3 principali modi:

  1. Cambiare regolarmente indirizzi IP dei clienti (cosa che succede quando si pagano i piani più costosi).
  2. Non concedere nessun piano di prova gratuita (solitamente gli spam utilizzano i piani gratuiti per inviare mail in maniera massiva)
  3. Verificare gli account, anche gratuiti, prima di approvarli.

ConvertKit applica proprio quest’ultima regola. Ha un processo di approvazione dell’account che verifica la qualità dei nuovi clienti.

In questo modo, i clienti ConvertKit ottengono dei tassi di consegna estremamente elevati, su tutti i piani.

4. Accesso al team

Vuoi lavorare in team? Nessun problema. Puoi scegliere di assegnare i membri del team, rimanendo l’amministratore che avrà accesso a tutto.

Potrai anche assegnare loro la possibilità di accedere all’editor che consente la creazione di campagne senza la possibiltià di modifica delle impostazioni di amministrazione.

5. Moduli e landing page di alto livello

Convertkit ha riprogettato nel 2020 l’intera interfaccia e configurazione dei moduli e delle landing page, e i risultati si vedono.

Il modulo di attivazione dedicato e i costruttori di landing page offrono sicuramente molte più funzionalità della maggior parte dei competitor (parliamo di strumenti di email marketing, non di landing page builder).

Premesso che le landing page e le form non sono il core business, ConvertKit si è impegnata per diventare uno strumento in grado di offrire tutte le funzionalità sotto il suo tetto, senza doversi rivolgere per forza a servizi esterni.

Solo grazie ai template già pronti e realizzati, è possibile creare ottimi progetti in maniera professionale e autonoma.

6. Efficace Reporting e Data Analysis

In alcuni strumenti di posta elettronica capita spesso di avere problemi identificare con certezza le metriche di crescita delle liste, i tassi di apertura e lettura, il comportamento degli iscritti, ecc.

La funzionalità di reporting in ConvertKit è fortemente improntata ad essere immediata e diretta, permettendo di avere la situazione sempre sotto controllo con una rapida occhiata.

Per esempio, sulla dashboard principale possiamo passare dai nuovi iscritti agli iscritti totali. Posso aggiungere tutti i tipi di filtri e vedere immediatamente metriche fondamentali per ogni iscritto, come tassi di apertura, di risposta, di consegna, ecc.

Se voglio vedere il conteggio degli iscritti per moduli, sequenze o tag specifici, basta modificare il filtro, e troviamo tutto a portata di click.

Inoltre, sono disponibili rapporti specifici per moduli, sequenze e broadcast per quando se ne ha bisogno.

7. Esiste un piano gratuito piuttosto completo

Anche se non hai accesso a tutte le funzionalità a pagamento, puoi utilizzare il piano gratuito per un massimo di 1.000 iscritti.

Il piano gratuito non include automazioni visive o sequenze di e-mail, il che è uno svantaggio significativo, ma d’altra parte offre diverse funzionalità di base utili per iniziare.

Inoltre, è garantito un elevato tasso di consegna grazie alla verifica in ingresso, che permette buone prestazioni anche per i piani gratuiti.

ConvertKit Recensione: I 5 CONTRO principali

ConvertKit non è uno di quei servizi di email marketing di tipo che cerca di accontentare tutti, ma al contrario è focalizzato su bloggers e social content creators.

Per questo, se in passato hai utilizzato altri servizi di email marketing, potresti trovare alcuni limiti in Convertkit.

Ecco alcuni esempi:

1. Opzioni di modelli di email limitate

Se desideri modelli di email altamente visivi, non li troverai. Puoi aggiungere i tuoi modelli, ma quelli disponibili come “stock” sono modelli basati su testo.

Non a tutti potrebbero piacere i soli template di testo, quindi potrebbe essere un problema per alcuni.

In un certo senso, è un vantaggio perché è più probabile che questo tipo di email finisca nella scheda “promozioni” di Gmail. Ma non sono ideali per il branding.

2. I dati dei rapporti sono limitati

Abbiamo visto che i rapporti di ConvertKit sonomolto semplici da interpretare e permettono di avere tutto sotto controllo.

Questo però è a danno di alcune metriche, che sono completamente assenti. Troviamo solo quelle ritenute più importanti per i content creators, ossia aperture, clic, andamento delle iscrizioni e poco altro.

3. Personalizzazione limitata di moduli e Landing Page

Come abbiamo visto, Convertkit comprende una discreta selezione di template di modelli di iscrizione (Form) e Landing Page.

Tuttavia non puoi fare molto con loro in termini di personalizzazione. Sono sufficienti per portare a termine un progetto di lavoro relativamente semplice.

Sia chiaro: non mi aspettavo un set completo di funzionalità. Per questo esistono landing page builder più avanzati, utili alla lead generation o a progetti un po’ più avanzati (come offerte commerciali o funnels).

ConvertKit è giusto che sia focalizzato sul suo prodotto principale: l’email. Detto questo, vale la pena menzionarlo nel caso in cui possa essere un aspetto molto importante per te.

4. Le opzioni di filtro degli abbonati sono limitate

Se desideri opzioni di filtro avanzate, non le troverai. Ma, nella maggior parte dei casi, ho scoperto di non averne bisogno. In questo caso è un’esigenza molto personale.

5. Nessun test di spam

Una caratteristica che mi è piaciuta in altri provider di posta elettronica è la possibilità di controllare la probabilità che un’e-mail venga contrassegnata come spam. Questo è importante perché poche parole sbagliate possono attivare i filtri antispam.

Detto questo, puoi comunque inviare e-mail di prova per aggirare il problema e verificare che la mail venga consegnata correttamente e non individuata come spam. È solo un po’ più lungo.

PS: non lo ritengo un vero difetto, ma è giusto sottolineare che ConvertKit è interamente in inglese. Non lo considero un problema vero e proprio, ma è giusto rimarcarlo.
Se cerchiamo software con interfaccia in italiano dovremo rivolgerci ad altri, come per esempio GetResponse.

Convertkit: Verdetto finale – Vale quel che costa?

Nel complesso, considero ConvertKit veramente uno dei migliori strumenti di email marketing in assoluto, sia per iniziare, sia per chi ha già un progetto professionale avanzato.

Lo trovo particolarmente adatto per chi cerca un software per Newsletter che sia potente, ma facile da usare anche se non si ha praticamente esperienza.

Eccellente quindi se hai appena iniziato con l’email marketing o non hai bisogno di automazioni di posta elettronica particolarmente avanzate.

In più, è uno dei pochi che offre una prova gratuita di qualità (con tassi di consegna alti) a tempo indefinito, che permette di avere fino a 1000 iscritti.

Trovi qui la prova gratuita ConvertKit permanente, se ti interessa.

Dubbi, domande o opinioni su ConvertKit? Condividile nei commenti qui sotto!

A presto!

Andrea
Andrea, una laurea in ingegneria chimica, ma da sempre affascinato dalle "potenzialità dell'online". Così, da oltre 10 anni, lavoro nel digital marketing. Gestisco progetti miei (blog, e-shop, landing, funnels, ecc) e aiuto professionisti e aziende a trovare e utilizzare i migliori strumenti in ambito digitale. Quando non lavoro, abbandono la città per la pace del trekking e della montagna! Ad oggi, Selfmadeweb.it è una delle piattaforme di digital marketing più lette in Italia. Qui potrai trovare tantissimi contenuti, che, spero, potranno aiutarti nei tuoi progetti digital! Grazie per essere qui, e benvenuto su Selfmadeweb.it!
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments